Il giardino e il suo tempo

Il Giardino e il suo Tempo. Forme e Colori

Mostra fotografica di Davide Cappelletti
Spazio Socio Culturale Coop, via Freikofel, 7 – Milano Rogoredo
10-18 ottobre 2015 – Inaugurazione sabato 10 ottobre ore 11

Un’idea che si fa progetto: dallo scatto allo scorrere del tempo, molto di più che singoli fiori.
In un giardino incantato dove il tempo, nelle sue diverse accezioni, è l’artefice del divenire, saranno esposte sequenze della vita floreale. Immagini scattate da Davide Cappelletti in momenti differenti per orario, stagione, condizioni atmosferiche.

Davide Cappelletti non scatta semplicemente fotografie: scrive con la luce, l’anima, il cuore. La mostra, promossa dall’Associazione Culturale verdeFestival, offre allo sguardo una selezione di immagini catturate al tempo, che ne rappresentano lo scorrere dalla mattina alla sera e nel corso delle stagioni, con le sue luci, le sue ombre, i suoi umori, la sua forza trasformatrice.

È il tempo, quindi, il filo conduttore, anche se i protagonisti restano i fiori, presentati nei
particolari del miracolo dello sbocciare e nella bellezza dello sfiorire, senza perdere di vista il contesto che li rende così speciali.

Il progetto nasce dal peregrinare di Davide Cappelletti e Pierangelo Tomaselli, due cittadini del quartiere Rogoredo di Milano: nelle loro passeggiate alla scoperta di percorsi non pedonali, si sono imbattuti in un orto tra altri orti, ma che da essi emergeva: coltivato a fiori, più che a ortaggi, era uno spettacolo di forme e colori, differenti ad ogni visita, eppur sempre affascinanti. Impossibile non soffermarsi ad osservare e catturare quegli attimi così unici in cui la rugiada accarezza le corolle e riluce al sole, o quando un petalo fluttua nel vento, prima di toccare il tappeto di foglie sotto di sé.

Conosciuto il giardiniere, ottenuto il libero accesso al giardino, il cerchio si allarga. Le fotografie aumentano, i partecipanti al progetto anche: l’emozione arriva, l’energia messa in circolo dilaga, non senza sforzo e con pochi mezzi, l’idea diviene concreta.

Le immagini raccontano la vita nel giardino. L’intento è quello di comunicare la magia di un angolo di quartiere che cela inattese sorprese, non semplici fiori, ma forme, colori, personalità, sentimenti, per portarli fuori dal giardino e trasmetterli al pubblico, anche attraverso il racconto “Il giardino incantato” di Daniela Troncacci.

Il progetto ha così pure un intento didattico, mostrando attimi di un ciclo vitale, dando cenni sul linguaggio dei fiori, utilizzando un allestimento scenico che riconduca alla terra, dove tutto ha inizio e tutto riconduce. Ma nulla finisce e nulla è circoscritto. Il “Giardino incantato” può essere ovunque, questo è il primo passo di un allestimento che gli organizzatori si ripropongono di portare fuori dal Quartiere.

Davide Cappelletti
Nasce nel 1971 a Milano. Dopo aver frequentato nel 1994 la Scuola di fotografia Riccardo Bauer partecipa a diversi corsi di approfondimento e specializzazione inerenti la comunicazione visiva. Nei suoi lavori si ispira alla corrente pittorialista dei primi fotografi dell’800, i quali si riproponevano di apportare nella fotografia quella manualità e quel senso estetico tali da elevarla allo status di opera d’arte al pari della pittura e della scultura.

The following two tabs change content below.
Sono una Web Content Editor freelance. Mi occupo di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ho deciso di spiccare il volo con un’attività tutta mia. Le mie più grandi passioni oltre l'ecologia? Il Web, la scrittura e la Spagna.

Ultimi post di Evelyn Baleani (vedi tutti)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *